effetti intelligenza artificiale sulla proprietà intellettuale
Proprietà intellettuale

Gli effetti dell’intelligenza artificiale sulla proprietà intellettuale

Nonostante sia una realtà con la quale conviviamo da diversi anni, nell’ultimo periodo è aumentata l’attenzione (e la preoccupazione) rispetto alle conseguenze della diffusione dell’intelligenza artificiale (AI). Oggi sembra (al grande pubblico) che tutto ciò che l’essere umano è in grado di fare possa essere facilmente sostituito da un software di intelligenza artificiale.

Al di là degli scenari apocalittici spesso descritti è importante, dopo aver analizzato il rapporto tra le nuove tecnologie e i diritti della proprietà intellettuale, porre l’attenzione sull’impatto che questo tipo di tecnologie basate sull’AI possa avere sui diritti della PI.

Lo studio dell’EUIPO

A marzo del 2022 (a conferma di come questa è una realtà sulla quale si ragiona da tempo) l’Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale ha pubblicato il documento Study On The Impact Of Artificial Intelligence On The Infringement And Enforcement Of Copyright And Designs. Lo studio parte dalla consapevolezza di come negli ultimi cinquant’anni abbiamo assistito a innovazioni epocali e cambiamenti rivoluzionari che hanno trasformato economie, posti di lavoro e la stessa società, modificando il modo di vivere. L’intelligenza artificiale è tra le tecnologie che ha il maggior impatto su ogni area dei diritti di proprietà intellettuale.

LEUIPO riconosce come l’AI non sia né un male né un bene, ma che possa essere utilizzata tanto per tutelare i diritti della proprietà intellettuale quanto per prevenirne  la  violazione. Questa consapevolezza è essenziale per maturare un approccio sano, né di facili entusiasmi né di altrettanti facili allarmismi, nei confronti di questa tecnologia.

Cerchiamo quindi di individuare quelli che sono i punti di forza e i punti deboli dell’utilizzo delle tecnologie di intelligenza artificiale applicate alla proprietà intellettuale.

I vantaggi

Uno dei sistemi più performanti dell’AI è sicuramente quello legato al machine learning, cioè la tecnologia che si migliora con il passare del tempo aumentando le proprie conoscenze. Questa può essere applicata alla tutela dei diritti della proprietà intellettuale in quanto consente di analizzare grandi quantità di dati in modo da individuare rapidamente minacce e contenuti illeciti.

Similmente il natural language processing (la capacità della tecnologia di comprendere testi e parole pronunciate più o meno allo stesso modo degli esseri umani) si può rivelare utilissimo per analizzare e bloccare i vari tentativi di attacchi di phishing con lo scopo di identificare le violazioni dei diritti di PI.

I punti critici

Allo stesso tempo le medesime tecnologie possono essere utilizzate sia per creare contenuti e prodotti contraffatti o illeciti, così come violare il copyright superando le difese attualmente esistenti. Se è vero che l’AI, specialmente quella basata sul machine learning, può analizzare tanti dati è altrettanto vero che per essere utile allo scopo della tutela dei diritti della proprietà intellettuale deve essere fornita di un’elevata quantità di dati per poter funzionare e comprendere il lavoro da svolgere.

Un elemento non marginale (che spesso è già emerso una volta che determinati strumenti di intelligenza artificiale sono stati resi accessibili a un vasto pubblico) riguarda il rischio che l’AI possa farsi portavoce di pregiudizi e stereotipi. Questi (detti comunemente bias) possono portare a valutazioni distorte, errate e discriminatorie perché riflettono gli stereotipi e i pregiudizi degli sviluppatori che l’hanno creata o del materiale che le è stato fornito per allenarsi e apprendere.

Di certo c’è che con l’intelligenza artificiale bisognerà fare sempre più i conti ed è doveroso che ci sia la consapevolezza di come essa possa essere utilizzata anche per finalità illegali e scopi illeciti e che pertanto andranno prese le dovute misure per arginare un fenomeno che, altrimenti, rischia di essere senza controllo.

Proprietà intellettuale

Hai bisogno di assistenza?
Contattaci per una consulenza gratuita.

Per qualsiasi necessità, dubbio o richiesta, siamo a  tua completa disposizione.

Compila questo campo
Compila questo campo
Compila questo campo
Compila questo campo
Verifichiamo che tu non sia un robot! 27 - 4 = ?
Inserisci il risultato dell'equazione per procedere
Devi accettare i termini per procedere

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere